Capitale europea della cultura, 100 milioni di euro per cambiare Matera

Pioggia di fondi e appalti per opere pubbliche. Il Comune di Matera ha presentato il pacchetto da 100 milioni di euro per preparare la città dei Sassi al 2019. Fondi per lo Sviluppo e Coesione (Fsc), risorse dormienti della Cassa Depositi e Prestiti, i finanziamenti della legge di Stabilità 2016, i fondi europei per lo Sviluppo regionale (Po Fesr 2014-2020).

Interventi a lungo attesi, così Matera si prepara ad una rivoluzione. Cinema, musei, strade, parchi, chiese rupestri, viabilità, nel piano pluriennale opere pubbliche c’è tutto tranne che il punto più controverso: il nodo infrastrutture per uscire dall’isolamento è ancora irrisolto in attesa di decisioni definitive da parte del governo. Il sogno è l’autostrada Ferrandina-Matera-Gioia del Colle che dovrebbe finalmente dotare Matera di un collegamento a 4 corsie nell’asse est-ovest. Tempi strettissimi. «Se l’autostrada dovesse arrivare nel 2020 per noi non è un problema, l’importante è che Matera2019 favorisca l’uscita dall’isolamento della città» ha detto il sindaco Raffaello De Ruggieri che aggiunge: «A Roma ho proposto che si lavori giorno e notte. Si raddoppiano i turni di lavoro, si aumenta l’occupazione e si dimezzano i tempi di realizzazione». Ci sarà inoltre la tangenziale che eviterà ai mezzi pesanti di congestionare il centro della città. Il premier Matteo Renzi sarà a Matera martedì 6 aprile, occasione giusta per gli annunci di grande impatto mediatico, come l’ex sindaco di Firenze ci ha abituato in questi anni.

Sembra invece abbandonata l’ipotesi della ferrovia dello Stato per il trasporto pubblico. I materani dovranno accontentarsi del potenziamento delle Fal (Ferrovie Appulo-lucane), perché l’intesa con il governo riguarda solo l’adeguamento al traffico merci dei binari che portano alla Ferrosud in località Jesce.

Lasciamo le ipotesi e spazio alle novità che interesseranno la città nei prossimi mesi. Palazzo Malvinni Malvezzi, la partita del recupero del palazzo ducale dovrebbe finalmente essere ad una svolta, con il Comune che lo renderà la sede ufficiale di rappresentanza. Continuano i lavori di restauro, che saranno finanziati nei prossimi tre anni con ulteriori 4 milioni di euro. Il sindaco ha confermato la trattativa in corso con la Provincia per l’acquisto del bene e sembra che il Comune possa cavarsela con un milione di euro.

C’è il museo Demoetnoantropologico, uno dei punti chiave nel programma della giunta De Ruggieri riceve quasi 2milioni di euro. Importanti interventi per il patrimonio storico. Riqualificazione del circuito Santa Barbara, Convicinio di Sant’Antonio, Santa Maria de Armeniis,  e chiesa del Cappuccino Vecchio. Il completamento del restauro del monastero di Santa Lucia e Sant’Agata, la riqualificazione del centro storico (ipogei compresi), interventi nei rioni Sassi tra cui i controversi ascensori, a cui si aggiungono il cablaggio e la banda larga. E ancora il parco della Cave, il parco della Storia dell’uomo, la manutenzione straordinaria della viabilità, il casino Padula e Dragone. C’è spazio per i più poveri, con il recupero edilizio per alloggi e servizi abitativi per categorie fragili. Non mancano finanziamenti per la Fondazione Matera-Basilicata2019: 500mila euro nel 2016, 1 milione di euro nel 2017, 2,5 milioni nel 2018, 7 milioni nel 2019.

Il torrente Gravina sarà sottoposto ad un intervento da 4 milioni di euro per eliminare l’inquinamento, mentre le discariche saranno bonificate (2,5 milioni di euro). Sarà riqualificato anche il Campo Scuola

Si tratta di un piano operativo che risolverà in pochi anni tante emergenze della città lucana e che sosterrà il grande evento del 2019. Il Comune inoltre è pronto ad assumere 30 persone con contratto a tempo determinato tra laureati in ingegneria, architetti, periti tecnici, informatici, esperti in appalti ed economia del turismo. Una squadra per sostenere la macchina operativa del Comune.

Ecco l’elenco completo delle opere previste dal programma investimenti

a cui si aggiunge l’elenco delle gare già espletate

 

Alessandro Giuseppe Porcari

@paceinterra_it

 

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *