Matera in B, ecco perché tutto è ancora possibile

«Credo alla rimonta per la qualificazione diretta in Serie B», così Saverio Columella suona la carica. La vittoria in Coppa Italia, con la finale ormai a portata di mano, riporta un po’ di ottimismo dopo giorni ad alta tensione. Le parole del presidente del Matera vanno incrociate con quelle di mister Gaetano Auteri al termine della sciagurata partita contro il Siracusa: «Tanto è compromesso con il Lecce a 9 punti, quando mancano 11 giornate. Pensiamo ai nostri problemi».

Il non detto di queste dichiarazioni è evidente: recuperare su Foggia e Lecce significa vincere tutte (o quasi) le 11 partite a disposizione. Qualsiasi passo falso sarebbe un macigno in un calendario che volge verso la sua naturale conclusione. Tolte 3 partite per il recupero dei punti su Lecce e Foggia, resterebbero così 8 sfide a disposizione per incassare la promozione. Presentata così, la strategia per la vittoria del campionato tutto sembra tranne che impossibile.

A dare concretezza al sogno dei materani ci pensa il calendario. Decisive le prossime 3 giornate, che inesorabilmente cambieranno la classifica. L’attenzione è sullo scontro Foggia-Juve Stabia in programma domenica (da non sottovalutare comunque la trasferta del Lecce a Francavilla) e soprattutto Foggia-Lecce domenica 19 marzo. Se il Foggia dovesse almeno pareggiare entrambi gli scontri diretti per la promozione, sentirebbe subito il fiato del Bue a soli 3 punti. Il Lecce con una sconfitta (o pareggio) in tre gare (Francavilla, Catania e Foggia non sono ostacoli semplici) si porterebbe a -6 (o -7) con in calendario ancora Lecce-Juve Stabia e soprattutto Matera-Lecce. Anche se il Matera dovesse avere 6 punti di distacco dal Lecce per lo scontro diretto del 15 aprile, battendo i salentini si porterebbe a -3, a tre gare dalla fine. Tutto compromesso? Non ancora, nonostante gli incredibili errori dei lucani.

Calendario alla mano, il Matera ha ancora nelle sue gambe la promozione. Le parole del presidente non sono quindi un puro ottimismo per calmare i tifosi delusi, mentre le parole di mister Auteri devono essere interpretate come un tentativo di ridare serenità alla squadra che deve esclusivamente concentrarsi su se stessa, ritrovando la forma che è clamorosamente venuta meno nelle ultime quattro giornate.

Con 11 vittorie il Matera andrà in Serie B, a meno che il Lecce non abbia la strepitosa forza di sfidare il Matera con 9 punti di vantaggio. 4 sconfitte devono essere subito cancellate con 4 vittorie. Catanzaro, Reggina, Akragas, Messina sono avversari alla portata del Matera. A quel punto, i tifosi non dovranno fare altro che prepararsi a un finale di campionato da brividi.

 

Alessandro Giuseppe Porcari

@paceinterra_it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *