Paolo Verri: «Ritiro bando? Non ci penso nemmeno»

Bando nuovo logo Matera2019, Paolo Verri andrà avanti per la sua strada. L’incontro con il deus ex machina della Fondazione Matera-Basilicata2019 è avvenuto il giorno dell’inaugurazione della Cattedrale il 26 febbraio, a pochi giorni dalla seduta del consiglio comunale del 1 marzo, dove il Comune avrebbe preso ufficialmente posizione sul ritiro del bando per il nuovo logo di Matera2019. È stata l’occasione per ringraziare Paolo Verri per aver ricordato l’urgenza del restauro del Palazzo dei duchi Malvinni Malvezzi in piazza Duomo, una delle emergenze culturali della città patrimonio Unesco.

La chiacchierata presto andò sulle polemiche politiche e sulla raccolta di firme per chiedere più trasparenza e mantenere il logo. La nostra domanda fu secca: «Se il Consiglio comunale dovesse chiedere di ritirare il bando, lei è disposto a farlo?». La risposta: «Non ci penso nemmeno». La motivazione è stata tutta tecnica. «Guarda questa Cattedrale…è bellissima. È stata restaurata e io non mi sono mai permesso di dire a chi ha lavorato cosa fosse giusto fare. Non è mia competenza e allo stesso tempo chiedo di lasciarmi lavorare. Questo è il mio mestiere, so come si fa, ho esperienza. Il bando era previsto dal dossier e renderà sostenibile le spese per realizzare i progetti grazie ai diritti sul nuovo marchio», disse Verri.

Sulla possibilità che sia costretto a ritirare il bando, il responsabile per l’attuazione del dossier ha ricordato che «non sarebbe la prima volta, è già successo in passato, ma non possiamo andare avanti in questo modo».

Intanto ci sono creativi al lavoro in tutto il mondo per rifare il logo che costerà 20mila euro di fondi pubblici (il vecchio marchio costò dieci volte meno). Al 15 marzo, data di scadenza del concorso per il nuovo logo, mancano ormai pochi giorni. Per questo Verri non ha dubbi: «Sarebbe una pessima figura per la città in campo internazionale».

Non resta che capire cosa non vada in questo logo. «È scuro, monotono, la scritta è fatta male, deve essere più integrata con il disegno, invece è piazzata al lato, non va bene», ha concluso Verri.

 

 

Alessandro Giuseppe Porcari

@paceinterra_it

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *